Gli incentivi per il risparmio energetico
Scritto da Administrator   
Venerdì 02 Ottobre 2009 08:26
PDF Stampa E-mail

Detrazioni fiscali del 55%

Un vero affare: il 55% lo mette lo Stato e il resto si recupera in poco tempo grazie al risparmio energetico! 

La Legge 2 del 28/01/2009 ha ripristinato le detrazioni fiscali del 55% sulle riqualificazioni energetiche fino al 2010, portando a 5 anni il numero di quote annuali in cui suddividere l’agevolazione in modo che anche persone a basso reddito (che quindi pagano poche tasse) possono recuperare completamente l'intero beneficio.

Per le aziende l'incentivo può arrivare fino all’86.4% aggiungendo il 27.5 di IRES e il 3.9 di IRAP.

 

Chi può accedere agli incentivi

  • Privati o aziende che possiedono l’immobile
  • Parenti e conviventi con il possessore
  • Detentori dell’immobile (affitto, comodato d’uso, nuda proprietà)

 

In che cosa consistono gli incentivi

  • 55% delle spese sostenute per interventi di sostituzione degli infissi più scuri
  • Per le aziende sommando 55% + IRES 27.5% e IRAP 3.9% si può arrivare fino al 86.4%
  • Ripartita da 5 anni
  • Tetti di detrazione da 30.000 a 100.000 €

 

Quali immobili possono ottenere l’agevolazione?

  • gli immobili devono essere già esistenti (iscrizione al catasto e pagamento ICI), non sono agevolabili quelli di nuova costruzione
  • gli immobili devono essere riscaldati
  • non sono ammessi ampliamenti e modifiche all’impianto originario nel caso di demolizione e ricostruzione

 

Per ulteriori informazioni e per l’invio della documentazione tecnica da parte dei contribuenti che ultimano interventi di riqualificazione energetica delle proprie unità immobiliari nel 2009, accedendo alle detrazioni del 55%.dell’ENEA http://finanziaria2009.acs.enea.it/ 


Per espletare la pratica è necessario collegarsi al sito web dell'ENEA e registrarsi.
La registrazione prevede l'assegnazione di una User-ID e di una password che permette l'accesso ad un'area dedicata in cui si possono registrare anche più pratiche ed accedervi in tempi successivi.

Tutte le FAQ (domande e risposte frequenti) le potete trovare sul sito ENEA all'indirizzo seguente:

http://finanziaria2009-test.casaccia.enea.it/index.php/it/faq-quick

 

Ricordiamo che per gli interventi a cavallo di periodi di imposta, ovvero pluriennali occorre presentare apposito modello all'Agenzia delle Entrate:

  1. Il modello deve essere presentato solo se lavori proseguono per più anni, per comunicare le spese sostenute nei periodi d’imposta precedenti a quello in cui i lavori sono terminati.
  2. Il modello deve essere utilizzato per comunicare le spese sostenute a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2008.
  3. Per gli interventi i cui lavori proseguono in più periodi d’imposta, deve essere presentato un modello per ciascun periodo d’imposta.
  4. Il modello non deve essere presentato qualora i lavori siano iniziati e conclusi nel medesimo periodo d’imposta.
  5. Il modello non deve essere presentato se nel periodo d’imposta cui la comunicazione si riferisce non sono state sostenute spese.
  6. La comunicazione va inoltrata solo con internet;
  7. Il modello deve essere presentato entro novanta giorni dal termine del periodo d’imposta nel quale i lavori hanno avuto inizio;
  8. Per gli interventi i cui lavori proseguono per più periodi d’imposta, il modello deve essere presentato entro novanta giorni dal termine di ciascun periodo d’imposta in cui sono state sostenute le spese oggetto della comunicazione.

 

 Scarica qui il Modello

 Scarica qui le Istruzioni

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 02 Ottobre 2009 09:27 )